Blog de César Salgado

Os papeis terman do que lles poñen, e internet nin che conto…

La traviata (Verdi): “Lunge da lei…” (Jonas Kaufmann)

La traviata (1853) is one of the best known operas by Giuseppe Verdi. Here we can see an excerpt from a Paris production (2007). Many people will disagree and say it is weird (eccentric, extravagant…), but I like Christoph Marthaler’s stage direction. I think it makes the singer’s work easier. Alfredo (tenor) is Jonas Kaufmann. Libretto found at karadar.com.

ATTO II

SCENA I

Casa di campagna presso Parigi. Salotto terreno.
Nel fondo in faccia agli spettatori, è un camino,
sopra il quale uno specchio ed un orologio,
fra due porte chiuse da cristalli che mettono ad un giardino.
Al primo piano, due altre porte, una di fronte all’altra.
Sedie, tavolini, qualche libro, l’occorrente per scrivere.

ALFREDO
(deponendo il fucile)
Lunge da lei per me non v’ha diletto!
Volaron già tre lune
Dacché la mia Violetta
Agi per me lasciò, dovizie, onori,
E le pompose feste
Ove, agli omaggi avvezza,
Vedea schiavo ciascun di sua bellezza
Ed or contenta in questi ameni luoghi
Tutto scorda per me. Qui presso a lei
Io rinascer mi sento,
E dal soffio d’amor rigenerato
Scordo ne’ gaudii suoi tutto il passato.
Dè miei bollenti spiriti
Il giovanile ardore
Ella temprò col placido
Sorriso dell’amore!
Dal dì che disse: vivere
Io voglio a te fedel,
Dell’universo immemore
Io vivo quasi in ciel.

SCENA II

(Detto ed Annina in arnese da viaggio.)

ALFREDO
Annina, donde vieni?

ANNINA
Da Parigi.

ALFREDO
Chi tel commise?

ANNINA
Fu la mia signora.

ALFREDO
Perché?

ANNINA
Per alienar cavalli, cocchi,
E quanto ancor possiede.

ALFREDO
Che mai sento!

ANNINA
Lo spendio è grande a viver qui solinghi.

ALFREDO
E tacevi?

ANNINA
Mi fu il silenzio imposto.

ALFREDO
Imposto! or v’abbisogna?

ANNINA
Mille luigi.

ALFREDO
Or vanne andrò a Parigi.
Questo colloquio ignori la signora.
Il tutto valgo a riparare ancora.

(Annina parte.)

SCENA III

(Alfredo solo)

ALFREDO
O mio rimorso! O infamia
E vissi in tale errore?
Ma il turpe sogno a frangere
Il ver mi balenò.
Per poco in seno acquetati,
O grido dell’onore;
M’avrai securo vindice;
Quest’onta laverò.

(esce)

1 Febreiro 2009 - Posted by | Music, Opera, Verdi, Visual arts, Vocal music

Aínda non hai comentarios.

Deixar unha resposta

introduce os teu datos ou preme nunha das iconas:

Logotipo de WordPress.com

Estás a comentar desde a túa conta de WordPress.com. Sair / Cambiar )

Twitter picture

Estás a comentar desde a túa conta de Twitter. Sair / Cambiar )

Facebook photo

Estás a comentar desde a túa conta de Facebook. Sair / Cambiar )

Google+ photo

Estás a comentar desde a túa conta de Google+. Sair / Cambiar )

Conectando a %s